Corni e pecc

Fio de la Serva

Il ritorno dei Fio de la Serva passa da Corni e pecc

By on 04/06/2014

Hanno annunciato il proprio ritorno sul palco in occasione di Corni e pecc Fio de la Serva, ripartendo così dalle proprie origini.

La prima data è il concerto di venerdì 13 giugno 2014 ore 21.30, primo giorno della sagra dei sapori che quest’anno si svolgerà a Cassano Valcuvia, paese che rappresenta un po’ anche la culla nativa di una buona fetta dei componenti del gruppo.

Ed effettivamente i Fiò de la Serva erano partiti proprio così nel lontano 2007, un gruppo di amici accomunati dalla forte passione per la musica a cui piaceva animare le feste e le sagre paesane suonando soprattutto canzoni di Davide Van de Sfroos, cantautore che molto probabilmente oggi giorno più di tanti altri incarna il concetto di musica folk, e quindi legata alle tradizioni del proprio territorio.

La lunga collaborazione con Giò de Sfàa, cominciata l’anno successivo, aveva permesso poi alla band di allargare i propri confini musicali, uscendo prima pian piano dalla provincia di Varese, poi ulteriormente dalla Lombardia per sbarcare nel vicino VCO e in Svizzera, spingendosi finanche a tournée estive in Sardegna e in Puglia: in pochi anni sono stati davvero tanti i palchi che hanno ospitato esibizioni dal vivo della band.

Il 2014 rappresenta poi un anno ricco di soddisfazioni ma anche di grosse novità: dapprima la realizzazione in studio del primo disco composto da 12 brani inediti sotto la guida artistica di Davide Billa Brambilla, poi la presentazione in grande stile durante il mese di Maggio presso il teatro Vela di Varese, quindi una ricca stagione fatta di numerosi concerti nel nord Italia, nella vicina Svizzera e finanche a Terni, stagione che si conclude con la decisione del cantautore Giò de Sfàa di interrompere la collaborazione e abbandonare la band.

Il resto è storia dei giorni nostri: i Fiò de la Serva decidono infatti di ripartire subito spinti da quella passione per la musica risultata essere ancora più ardente di prima e con l’idea di rinnovare quel sound che li aveva contraddistinti negli ultimi anni, andando ancora più a fondo in quel processo che era cominciato un po di anni fa.

Il nuovo corso dei Fio, infatti, prevede di accantonare la musica inedita e riparte con un progetto che scava dentro le radici delle tradizione e della musica folk Italiana ed Europea, reinterpretandola in tipica salsa power folk scandita e armonizzata dagli otto elementi e dai loro variegati strumenti presenti nella band.

Sembra pertanto proprio un gioco del destino che la prima data di questo nuovo progetto, preveda la partecipazione ad una sagra così tanto rinomata per le proprie tradizioni; un cerchio che si chiude o un nuovo punto di partenza, ma quello che conta è la rinnovata voglia della band di trasmettere questi forti sentimenti al pubblico presente, nell’intento di fare tutti insieme una gran festa.

Per i fans, che durante questo periodo di transizione non hanno di certo fatto mancare il loro appoggio e il sostegno a delle persone che reputano dei veri amici, l’appuntamento è a Corni e pecc .

Oltre ad un sound totalmente rinnovato, ad una scaletta modificata in gran parte, l’occasione sarà speciale per conoscere i nuovi volti entrati a far parte della band, ovvero il frontman Alessandro Papa, il batterista Francesco Farinelli e il fisarmonicista Stefano Cerini che in passato già aveva collaborato coi Fio come tromba in aiuto della sezione fiati, ma che adesso ufficialmente si insiederà alla fisarmonica prendendo il testimone lasciato vacante da Mattia Belli, uno dei fondatori storici della band.

I Fio de la Serva sono:
Alessandro Papa – voce e chitarra acustica
Daniele Baldin – chitarra elettrica, acustica, mandolino e cori
Stefano Cerini – Fisarmonica, tromba e cori
Maria Elisa Grosso – violino e cori
Enzo Paolo Semeraro – tromba, twin whistle e cori
Marco Amato – saxofono e cori
Alessio Belli – basso elettrico e cori
Francesco Farinelli – batteria e percussioni

 

Posted in: spettacoli

Comunità montana Valli del Verbano tutela il patrimonio forestale e promuove l'agricoltura di montagna e le sue eccellenze. Nel 2005 ha lanciato "Corni e pecc" manifestazione itinerante alla scoperta dei sapori di queste valli.

Comments

Be the first to comment.

Leave a Reply

*



È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>